Facebook
Twitter
YOUTUBE
INSTAGRAM
DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanishUkrainian

Attività a scuola per Educom

Attività a scuola per Educom

Quando abbiamo creato le attività, abbiamo considerato l’importanza del gruppo e come mettere i partecipanti a proprio agio. Soprattutto con i bambini, deve essere un imperativo, essenziale per scaldare il gruppo, creare connessioni e intimità. Guadagnare la fiducia dei bambini è fondamentale quando svolgiamo attività teatrali e quello che ho imparato leggendo gli esercizi creati durante la formazione del personale in Croazia è giocare. La cosa più importante quando lavori con i bambini è giocare con loro e creare giochi su tutto. Se mostri qualcosa come un gioco ai bambini, saranno attivi e interessati. I giochi sono nel loro vocabolario, abbiamo perso il significato più profondo del divertimento nel processo di apprendimento da adulti.

Ma dovrebbe essere molto presente per tutti coloro che lavorano con i bambini. Quindi, abbiamo implementato alcuni giochi proposti da Udruga Praktikum (Croazia) in una scuola di Palermo, vicino alla stazione centrale, zona multiculturale del centro cittadino, denominata “ICS SILVIO BOCCONE”. Questa attività fa parte di EDUCOM, una partnership strategica composta da 3 scuole e 3 organizzazioni: ASSOCIAZIONE UNIAMOCI ONLUS – come coordinatore (Italia), DIREZIONE DIDATTICA STATALE FRANCESCO ORESTANO (Italia), AGRUPAMENTO DE ESCOLAS DE BARCELOS (Portogallo), UDRUGA PRAKTIKUM – CENTAR ZA DJECUI MLADE (Croazia), CENTRE FOR POSITIVE YOUTH DEVELOPMENT (Serbia), SCUOLA ELEMENTARE – OSNOVNA SOLA DANTE ALIGHIERI ISOLA IZOLA (Slovenia), cofinanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea.

In due giorni abbiamo creato un buon collegamento con il gruppo di bambini. Abbiamo lavorato con una classe di 12 bambini di 8 anni, molto aperti e curiosi, per due giorni (e a loro non è bastato, perché mi chiedevano sempre più giochi). Per il primo giorno, per conoscerci meglio, abbiamo imparato i nomi con il gioco dei battimani e ci siamo salutati con diverse parti del corpo e in modi diversi. Si sono divertiti ogni volta che hanno dovuto salutarsi in un modo insolito come “Di’ ciao con il tuo ginocchio”!

Abbiamo creato diversi gruppi usando il gioco delle categorie: ho chiesto loro se amavano la pizza o la pasta, il dolce o il salato, la primavera o l’autunno, il mare o la montagna. È stata una buona occasione per creare qualcosa in gruppi più piccoli, come un “ciao” totalmente inventato da loro e dai loro gruppi più piccoli. Poi abbiamo riflettuto sui risultati: un gruppo era molto bravo in questo tipo di attività perché si coordinava meglio e aveva un leader riconosciuto, l’altro gruppo no, ma erano molto curiosi di sapere perché avevano difficoltà e problemi. Per questo ho scelto giochi di gruppo come: slow walker, in cui dovevano stare insieme per evitare che i loro nemici (gli slow walker) potessero sedersi e “You are late for school”, un gioco di ruolo dolcissimo in cui dovevano aiutare il loro compagno a creare una buona bugia per l’insegnante. Il secondo giorno abbiamo iniziato con zip, zap, boing e synchro clap. Erano attivi e molto partecipanti a ogni attività. È stato un successo totale. Per questo ho voluto lavorare sulla fiducia in coppia e in gruppo con il gioco dei ciechi. È stato interessante vedere come tutti preferissero essere guidati o guidare e come fosse più facile farlo in gruppo. Lavoriamo con la fantasia e creiamo tanti oggetti immaginari: palline, fiori, macchinine, da condividere con ogni componente del gruppo. Dopo di che, in coppia hanno creato statue, come artisti. E che bella idea per stimolare la creatività! Un piccolo artista, che all’inizio era molto distratto, realizzò una “antica statua colombiana che si perse nell’oceano nel corso del 1700”. Sono rimasta davvero sorpresa. Ha mostrato un grande impegno in questo tipo di attività teatrali. Un simbolo di quanto sia importante lavorare con i bambini con attenzione o con attività comportamentali in modo non formale. Abbiamo passato solo due ore insieme ma in due giorni abbiamo già creato qualcosa di speciale. Ho deciso di concludere le nostre giornate sempre con il gioco del nodo umano: mi sembra un modo profondo per far conoscere ai ragazzi il tema del “network” e del “gruppo”, un buon modo per stare tutti insieme, connessi allo stesso modo.

Seguici sui social:
Uniamoci Onlus

shares